Le opportunità imprenditoriali degli sport emergenti

Il sito http://www.benessere.com ha pubblicato l’elenco degli sport nuovi che in Italia stanno raccogliendo un interesse crescente, e quindi dal nostro punto di vista possono costituire una fonte di impresa di lavoro.
Sono 72 gli sport emergenti: si va da quelli dell’aria (Deltaplano, Wakeboard, Flyboard, ecc.), a quelli acquatici (Rafting, Hydrospeed, Woga-Water Yoga, ecc.), da quelli con racchetta (Paddle, Peteca, Beach tennis, Palla tamburello, ecc.) a quelli del ghiaccio (Skeleton, Short Track, Broomball, ecc.), da quelli di arrampicata (Tree climbing, Stair climbing, ecc.), a quelli in bici (Bike Polo, Kickbike), da quelli su neve (Heli-skiing; Cat-skiing, Sleddog) a quelli con la palla (Touch Rugby, Foot Golf, Floor ball, ecc.).
Un mondo affascinante di nuovi esercizi, emozioni e competizioni. Da un punto di vista economico, un bacino potenziale di nuovi praticanti, quindi di attrezzature, campi di gioco, abbigliamento, competizioni, eventi, editoria specializzata.
Quali di questi nuovi sport stanno diventando realtà significative da un punto di vista economico?
L’impressione è che diverse di queste discipline emergenti siano legate a mode passeggere, e non abbiano un futuro roseo; in altri casi gli sport sono molto semplici e non implicano una organizzazione e attrezzature complesse, quindi non creano mercati significativi.
Da dove possono nascere le opportunità imprenditoriali di fronte all’emergere di nuove discipline?
In molti casi nella organizzazione delle attività sportive, creando associazioni e imprese che gestiscano campi, competizioni, eventi, campionati. Ciò evidentemente può avere un senso economico quando i praticanti dello sport raggiungono numeri significativi.
In alcuni casi le prospettive possono stare nella produzione di attrezzature più o meno complesse (da una racchetta a un intero capo di Paddle, ad esempio) e dei diversi accessori, anche di abbigliamento.
Anche se va detto, per non farsi troppe illusioni, che in molti casi, la produzione può non essere conveniente, in quei casi in cui si possono trovare nel mercato globale articoli già molto competitivi (spesso prodotti in Asia); in questi casi l’attività imprenditoriale può essere di importazione e distribuzione sul mercato italiano.
Il commercio al dettaglio è forse l’attività più difficile, per un piccolo imprenditore, data la concorrenza agguerritissima delle catene di supermercati dello sport, da un lato, e dell’ e-commerce, dall’altro.
I servizi, invece, possono creare opportunità di sviluppo per una piccola impresa: corsi di avvio e addestramento, promozione, raccolta di sponsor, riprese fotografiche e video, gestione di siti e blog, App e piattaforme Internet, editoria specializzata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...