Le competenze bilanciate del nuovo imprenditore

Perché tante start up hanno grosse difficoltà a decollare e ad affermarsi? A questa domanda forse danno una risposta gli studi di Edward P. Lazear della Università di Stanford.
Il prof. Lazear arriva a una conclusione semplice: un imprenditore deve sapere svolgere molti compiti. “Essere un bravo cuoco non basta per il successo di un ristorante”.
Gli imprenditori devono cioè essere dei “Jolly” (jacks-of-all-trades). Non devono essere esperti di tutti i singoli compiti, ma sufficientemente competenti in ognuno di loro, per non perdere mai il controllo della situazione e guidare l’impresa lungo il suo cammino.
Gli imprenditori devono essere “multi-skilled”. I dati dell’Università di Stanford dicono che chi è solo uno specialista tecnico, e non completa questa sua preparazione con una formazione integrativa, va incontro all’insuccesso.
Al contrario hanno successo quegli individui che hanno competenze bilanciate (“balanced skills”) che si sono formate attraverso le precedenti esperienze professionali e/o in corsi di formazione.
Lazear ne conclude che chi intende avviare un’impresa dovrebbe avere una strategia di investimento sul proprio capitale umano che renda la sua preparazione più generalizzata e completa (“a more generalized human capital investment strategy”).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...