Quanto contano gli spin-off?

Il libro di Sven De Cleyn “A great study on European academic spin-offs analizza i casi di 185 academic spin-off (ASO) europei, cioè di imprese formate da persone che vengono da una istituzione accademica e che sfruttano qualche tipo di conoscenza acquisita in ambito universitario.

La ricerca rileva che ad alcuni anni dalla fondazione l’occupazione e il fatturato e l’occupazione degli ASO non sono particolarmente alti, per cui non si può pretendere che gli spin off riescano da soli trainare la ripresa della intera economia.

Il ruolo principale degli ASO sta invece nel trasferire innovazioni e conoscenza, attraverso le loro reti, quindi rendendo più dinamico e competitivo il sistema produttivo.

Disporre di un valido business plan è poi decisivo. Quest’ultimo tuttavia diventa un fattore di vantaggio determinante, specie quando viene analizzato e si confronta con le obiezioni di consulenti e investitori, libro di Sven De Cleyn “A great study on European academic spin-offs analizza i casi di 185 academic spin-off (ASO) europei, cioè di imprese formate da persone che vengono da una istituzione accademica e che sfruttano qualche tipo di conoscenza acquisita in ambito universitario.

La ricerca rileva che ad alcuni anni dalla fondazione l’occupazione e il fatturato e l’occupazione degli ASO non sono particolarmente alti, per cui non si può pretendere che gli spin off riescano da soli trainare la ripresa della intera economia.

Il ruolo principale degli ASO sta invece nel trasferire innovazioni e conoscenza, attraverso le loro reti, quindi rendendo più dinamico e competitivo il sistema produttivo.

Disporre di un valido business plan è poi decisivo. Quest’ultimo tuttavia diventa un fattore di vantaggio determinante, specie quando viene analizzato e si confronta con le obiezioni di consulenti e investitori, che possono verificare eventuali incongruenze e ingiustificati ottimismi.

La ricerca di De Cleyn sottolinea anche l’importanza della precedente esperienza imprenditoriale, maturata anche in altri contesti, e del gruppo dei soci. I gruppi di maggiore successo sono quelli eterogenei, con un background misto, che non comprenda soltanto competenze di tipo scientifico-tecnologico.

Altro luogo comune che De Cleyn sfida è che il capitale di rischio accresce la probabilità di successo di una start up.

Certamente la capacità di reperire risorse finanziarie è importante, ma questo non riguarda solo forme innovative quali il venture capital, bensì anche forme tradizionali, come i prestiti bancari.

 

http://www.genesis.it/pubblicazioni-libri1.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...